Chiavenna

Infopoint Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà, 3
T 0343 37485
F 0343 37361

Da lunedì a venerdì: 9:00-12:40 e 14:00-18:00
Sabato: 9:00-12:40 e 14-18:50
Domenica: chiuso


 






consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Infopoint Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Lunedi-sabato: 9.00-12.30 / 15.00-18.00.
Domenica 9.00-12.00
Mercoledì disponibilità solo telefonica e email

 


 


 

 

 



info@madesimo.eu
www.madesimo.eu

Campodolcino

Infopoint Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini, 2
T 0343 50611

Da lunedì a sabato: 9:00-12:30 e 15:00-18:30
Domenica: 9:00-12:30
Martedì: chiuso



 
 


campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Cosa fare   Curiosità

Autunno sul Lario

Meraviglie da ammirare e da gustare
Foto di di Valentina Selva e Eugenio Gottifredi
 
Alla scoperta delle montagne dell’Alto Lario Occidentale, che in autunno virano dal giallo, all’arancione al rosso. La stagione ideale per assaggiare il machét.
 
In autunno i boschi dell’Alto Lago sono la meta ideale per una passeggiata immersiva nella natura circostante, e permettono di apprezzare il foliage in tutto il suo splendore. Camminando lungo antiche mulattiere che risalgono i dolci pendii è possibile imbattersi in edicole votive, piccoli oratori e chiese cinquecentesche che testimoniano l’importanza della zona come centro di diffusione del Cristianesimo tra il Quattrocento e il Seicento. Per i più golosi è l’occasione giusta per dedicarsi alla raccolta delle castagne. Grazie alla natura acida del suolo, infatti, le montagne altolariane ospitano i più vasti castagneti della provincia di Como. Per secoli la selva castanile ha fornito di che vivere alle genti della zona essendo la castagna l’alimento principale della popolazione rurale per diversi mesi l’anno.
 
Anticamente chiamata il pane dei poveri, la castagna veniva consumata fresca, bollita o arrostita sul fuoco, era impiegata nella preparazione di diversi piatti oppure trasformata in farina. Era anche un importante bene di scambio: nel corso del Settecento veniva trasportata via lago verso Como per essere barattata con generi difficilmente reperibili nella zona, come per esempio il grano. Vista la grande estensione delle selve, è possibile trovare diverse varietà di castagne: la più diffuse sono la luina (luìn) e la rossera (rusée o ruséra). La prima cresce generalmente tra i 300 e i 1000 metri di quota ed è racchiusa in ricci medio grandi e particolarmente pungenti; ha un sapore dolce ed è ottima sia consumata fresca che essicata. La seconda si trova ad altitudini più elevate e, rispetto alla luina, si pela con minore facilità. Entrambe sono ottime per la preparazione di un piatto contadino dal sapore antico: il machèt. Ideale da cucinare nelle fredde sere d’inverno, magari su un’antica stufa a legna, il machét è una cremosa minestra di riso e castagne estremamente semplice ma dal sapore unico.






In primo piano: proposte, eventi e curiosità

Webcam live

Clicca per ingrandire







© 2024 Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna
www.valchiavenna.com - www.madesimo.com - www.campodolcino.eu
Valchiavenna Turismo Facebook
P.Iva e C.F. 00738460146 - Reg. Impr. SO 7923/1998 R.E.A. 56245


Informazioni ex art. 1, comma 125, della legge 4 agosto 2017 n. 124
Relativamente agli aiuti di Stato e aiuti de Minimis, si rimanda a quanto contenuto nel
“Registro nazionale degli aiuti di Stato” di cui all’articolo 52 L. 234/2012 (www.rna.gov.it).

ALLOGGI

Offerte speciali
Hotels
Bed and Breakfast
Agriturismi
Residence
Ostelli
Campeggi
Rifugi
Appartamenti

COSA FARE

La Valchiavenna in inverno
Itinerari
Cultura
Sport e attività
Eventi
Curiosità
Da non perdere
Benessere
Shopping

GASTRONOMIA E TRADIZIONI

Ristorazione
Tradizioni e artigianato
Prodotti tipici
Vini e cantine

INFORMAZIONI

Muoversi
Download prospetti
Valchiavenna Vacanze
Associati
Iscrizione alla newsletter
Privacy



Meteo

Webcam

Fotografie

Wallpaper

Video