Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orario di apertura dal 12.06.17
Dal lunedì al sabato: 07:30 -12:40 e 14:00 - 18:50
Domenica e festivi: 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Informazioni e richieste per gruppi, convegni, eventi Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti per la libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato: 09:00 -12:40 e 14:00 - 18:50. 
Domenica e festivi 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00.

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Orario di apertura
Feriali: 09-12.30 e 14.30-18.00
Festivi: 09-12.30



madesimo@valtellina.it

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini,
T 0343 50611

Dal 12 al 16 giugno: 09-12.30

Dal 13 giugno:

Lunedì: 09-12.30 e 15-18.30 
Martedì: 09-12.30 e 15-18.30 
Mercoledì: 09-12.30 e 15-18.30 
Giovedì: 09-12.30 e 15-18.30 
Venerdì: 09-12.30 e 15-18.30
Sabato: 09-12.30 e 15-18.30
Domenica: 09-12.30 e 15-18.30 



campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Gastronomia e tradizioni   Tradizioni e artigianato

Amarene in fiore

Viaggio alla scoperta della pregiata amarena di Uschione, piccolo borgo sopra Chiavenna

“Sulla montagna di Chiavenna a settentrione trovasi un paese chiamato Uschione…”. Così inizia la poesia che il poeta contadino Giovanni Nesossi scrisse negli anni Trenta nell’intento di dar lustro al paese. La storia ci dice che non ottenne i risultati sperati, ma una cosa Giovanin centrò: a Uschione il gran progresso sta nella quiete. Il piccolo borgo, un tempo abitato da un centinaio di persone, oggi ha un solo residente e, nei mesi estivi, le famiglie vi ritornano alla ricerca delle loro radici. Collegato a Chiavenna dalla storica mulattiera e a Prata Camportaccio percorrendo la strada comunale consortile, vale la pena di fare un giro a Uschione per curiosare fra le case e prendere conoscenza dell’architettura del paese anche alla luce delle tre contrade che lo caratterizzano. La Pighetti arroccata sotto la chiesa, la Zarucchi porta d’accesso al paese e la contrada Nesossi situata nella zona est sulla strada che porta ai Bocc e alla Piana.

Vivere in montagna
Per comprendere gli itinerari turistici che da Uschione portano ai vicini alpeggi, occorre entrare nella cultura che è alla base della realtà agreste. Nella prima metà del secolo scorso, non fu facile vivere in montagna, gli uomini accettavano ogni opportunità di lavoro ed era normale lasciare la famiglia per recarsi sui cantieri a costruire dighe, gallerie e strade. Il peso della famiglia cadeva sulle donne che, ogni giorno, dovevano inventarsi qualcosa.  Chi vendeva piccole fascine di legna sottile, ottima per avviare il fuoco delle stufe di Chiavenna, chi offriva funghi, uova, polli ruspanti, burro, magnocca, mascarpin (ricotta), castagne secche e frutta di stagione, riconvertendo il ricavato in farina (gialla e bianca), zucchero, sale, pasta, riso, sapone e un fiasco di vino per ingoiare l’ultimo boccone.

L’amarena, qualcosa in più
A 832 metri sul livello del mare, la primavera arriva dopo la metà d’aprile e la natura offre il meglio dei colori che in pochi giorni da tenui diventano più incisivi, fino alla grande esplosione del bianco rosato dei ciliegi, dei pruni, dei meli, dei peri e delle amarene.
Le amarene di Uschione sono le più ricercate. Rosse, lucide al riflesso del sole, più piccole delle ciliege ma più succose e quando si morde il sapore fresco, avvolge le papille gustative. Sarà per questo, sarà per la capacità della pianta di adattarsi al clima e ai terreni, sarà perché non ha bisogno di particolare manutenzione, saranno le proprietà medicinali, sta di fatto che davanti alle stalle di Uschione, Quarantapan, Pescieda o Piasclonch, e non solo, l’amarena è presente.  La loro raccolta inizia alla metà di luglio, quando i castani sono in fiore. Segue un preciso rituale: il frutto va staccato con il gambo, raccogliendo solo i frutti maturi evitando di rompere i rami.  I frutti vengono usati per la produzione di sciroppi, confetture e sono ricchi di vitamina C e B. I peduncoli dei frutti, raccolti a piena maturazione e lasciati essiccare al sole, hanno proprietà diuretiche. Inoltre se alla macerazione in vino delle foglie per 15-20 giorni, si aggiunge alcool e una soluzione zuccherina, si ottiene un ottimo liquore.  L’amarena, insieme alle prugne gialle, sono risorse che meritano attenzione perché hanno costituito una ricchezza primaria nella catena alimentare contadina.
 



Contatti utili

Consorzio Turistico Valchiavenna
T: +39 0343 37485
F: +39 0343 37361
consrozioturistico@valchiavenna.com
 











© 2017 Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna
www.valchiavenna.com - www.madesimo.com - www.campodolcino.eu
Valchiavenna Turismo Facebook
P.Iva e C.F. 00738460146 - Reg. Impr. SO 7923/1998 R.E.A. 56245


ALLOGGI

Offerte speciali
Hotels
Bed and Breakfast
Agriturismi
Residence
Ostelli
Campeggi
Rifugi
Appartamenti

COSA FARE

Eventi
Cultura
Sport e attività
Itinerari
Curiosità
Shopping
Da non perdere
Benessere
La Valchiavenna in inverno

GASTRONOMIA E TRADIZIONI

Ristorazione
Tradizioni e artigianato
Prodotti tipici
Vini e cantine

INFORMAZIONI

Muoversi
Download prospetti
Valchiavenna Vacanze
Associati
Iscrizione alla newsletter



Meteo

Webcam

Fotografie

Wallpaper

Video