Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orario di apertura dal 12.06.17
Dal lunedì al sabato: 07:30 -12:40 e 14:00 - 18:50
Domenica e festivi: 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Informazioni e richieste per gruppi, convegni, eventi Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti per la libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato: 09:00 -12:40 e 14:00 - 18:50. 
Domenica e festivi 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00.

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Orario di apertura dal 20.04.17 al 11.06.17
Feriali: 09-12.30 e 14.30-18.00
Festivi: 09-12.30



madesimo@valtellina.it

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini,
T 0343 50611

Dal 12 al 16 giugno: 09-12.30

Dal 13 giugno:

Lunedì: 09-12.30 e 15-18.30 
Martedì: 09-12.30 e 15-18.30 
Mercoledì: chiuso
Giovedì: 09-12.30 e 15-18.30 
Venerdì: 09-12.30 e 15-18.30
Sabato: 09-12.30 e 15-18.30
Domenica: 09-12.30



campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Cosa fare   Curiosità

I Pedroncelli

Generazione di sciatori Italo, Fabio e Nicolò. 
A questi tre nomi aggiungiamo il cognome Pedroncelli e immediatamente il pensiero corre allo sport dello sci.

Testo di Franco Fontana

Papà, figlio, nipote tre generazioni sugli sci. Nicolò, di appena undici anni, con i risultati fino a ora ottenuti sta rinnovando la storia sportiva ed agonistica iniziata dal nonno Italo, classe 1935, il più importante e carismatico campione di Madesimo e della Valchiavenna.

Correvano gli anni ‘40 e l’allora parroco Don Angelo Mazza, oltre alle anime dei madesimini e dei turisti frequentanti la località si prese amorevole cura dei ragazzi madesimini insegnando loro oltre alla “dottrina” anche i primi fondamentali dello sport sciistico. Italo Pedroncelli , sotto la guida di Stefano Sertorelli e dei fratelli Giorgio e Federico Thoni, allora maestri di sci presso la locale scuola, spiccò il volo verso una lunga carriera costellata da prestigiosi risultati; slalomista di classe, dotato di un’ottima tecnica, seppe primeggiare non solo tra i paletti stretti, ma anche nelle prove veloci. Per ben tredici stagioni agonistiche fece parte della nazionale italiana, partecipando alle olimpiadi di Cortina 1956, Squaw Walley 1960 (11° posto in slalom – 19° in gigante- 24° in discesa) e Innsbruck 1964 (11° in slalom e 18° in gigante) ed al Campionato del Mondo in Cile nel 1958. Tra i risultati più importanti ottenuti annoveriamo il titolo di campione del mondo militari. La splendida vittoria alla 3Tre sul mitico canalone Miramonti a Madonna di Campiglio, un secondo posto nella discesa di Adelboden (1960).
Nella sua lunga carriera curiosamente non è mai riuscito fregiarsi di un titolo italiano di specialità, ottenendo però ben 9 secondi posti nella varie discipline. Abbandonato l’agonismo, intraprese quella altrettanto prestigiosa di allenatore federale: per due anni fu tecnico della nazionale azzurra femminile, quindi di quella brasiliana e successivamente divenne responsabile tecnico dei materiali del mitico Gustav Thoeni per la ditta Spalding – Persenico di Chiavenna, ideando, primo in Italia, una pista di prove per test di materiali (sci e scarponi) a Madesimo.
Al termine di questa luminosa carriera di sportivo e di tecnico, è ritornato nella sua Madesimo mettendo a disposizione dei ragazzi del luogo e della locale scuola di sci le sue doti umane e sportive. Ai suoi “ragazzi” insegnava prima di tutto l’amore per lo sci quale sano e divertimento sportivo per poi avvicinarli gradatamente all’agonismo senza però dare un’ossessiva importanza al risultato. Fu anche presidente del Circolo Sciatori Madesimo per alcuni anni, prima della sua prematura scomparsa avvenuta nel 1992 all’età di 57 anni ed il suo ricordo aleggia ancora immutato nel cuore dei suoi “ragazzi” e di coloro, madesimini e non, che hanno avuto l’opportunità di conoscerlo.

Al figlio Fabio toccò l’arduo compito di “figlio d’arte” e purtroppo lui dovette subire i contrasti tra scuola e sport, all’epoca molto conflittuali (basti pensare che non venivano accettate assenze per motivi sportivi e ciò influiva negativamente sul giudizio scolastico dello studente). Nonostante ciò Fabio riuscì... Ora il testimone agonistico è passato al nipote Nicolò, e, lui nonostante la sua attuale tenera età, sta dimostrando di poter ripercorrere la luminosa carriera del nonno Italo.
 













© 2017 Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna
www.valchiavenna.com - www.madesimo.com - www.campodolcino.eu
Valchiavenna Turismo Facebook
P.Iva e C.F. 00738460146 - Reg. Impr. SO 7923/1998 R.E.A. 56245


ALLOGGI

Offerte speciali
Hotels
Bed and Breakfast
Agriturismi
Residence
Ostelli
Campeggi
Rifugi
Appartamenti

COSA FARE

Eventi
Cultura
Sport e attività
Itinerari
Curiosità
Shopping
Da non perdere
Benessere
La Valchiavenna in inverno

GASTRONOMIA E TRADIZIONI

Ristorazione
Tradizioni e artigianato
Prodotti tipici
Vini e cantine

INFORMAZIONI

Muoversi
Download prospetti
Valchiavenna Vacanze
Associati
Iscrizione alla newsletter



Meteo

Webcam

Fotografie

Wallpaper

Video